1° Trofeo Missiva Pub. Programma, calendario e classifiche!

settembre 9, 2022

Al via il 1° Trofeo Missiva Pub. il precampionato di calcio a 7 della stagione 2022/23! 12 squadre si contendono l’ambito trofeo a suon di…birre!

Ecco i gironi e il calendari:

GIRONE A

GIRONE A DEL LUNEDI:SANT’ERMETE CITY, POPOLARE CEP, LA COMPAGNIA DEGLI ARANCINI, AC CISANELLO

GIRONE B

GIRONE B del MERCOLEDI: ZAMBRA, LA SCEPRE, ARCI CASCIAVOLA, DARBY DAVILS 

GIRONE C

GIRONE C del GIOVEDI: ATL. MOGGINO, ATL. RICCI, PUGNANESE, ASD LONGOBARDA

CLASSIFICHE INDIVIDUALI

AMMONITI (Clicca qui)

*MIGLIOR PORTIERE: per ogni partita verrà segnalato dal direttore di gara il miglior portiere. A fine competizione chi avrà avuto piu segnalazioni vincerà il premio come miglior portiere del Torneo.

FASE FINALE

Tutte le squadre accedono alla fase finale.

Trofeo Missiva Cup.: vi accedono le prime e le seconde  classificate di ogni girone e le due migliori terze . Si partirà dai quarti di finale che prevedono gare di sola andata. Le squadre vincenti accedono alle semifinali e poi alla finale. Nei Quarti di finale, Semifinali e Finali  in caso di parità al termine dei tempi regolamentari si calceranno i tiri di rigori nella modalità del calcio a 11

Missiva Cup Coppa B: vi accedono la terza rimanente e le quarte classificate di ogni girone. Si partirà dalle semifinali che prevedono gare di sola andata. Le squadre vincenti accedono alle semifinali e poi alla finale. Nelle Semifinali e  Finali  in caso di parità al termine dei tempi regolamentari si calceranno i tiri di rigori nella modalità del calcio a 11.

Schema Finale Trofeo Missiva Cup

QUARTI DI FINALE:

Atletico Moggino – Compagnia degli Arancini 6-3

Zambra – Sant’Ermete City 3-0

Popolare Cep – Arci Casciavola 4-5

La Scepre – Pugnanese Giovedi 6/10 alle 20.45

SEMIFINALI:

Zambra – Atl. Moggino lunedì 10/10 o Martedì 11/10

Arci Casciavola – Vincente lunedì 10/10 o Martedì 11/10

FINALE: Venerdì 14/10

 

Schema Finale  Missiva Cup B

SEMIFINALI:

Darby Davils – Atletico Ricci 2 – 3

A.C. Cisanello – Asd Longobarda 0-3

FINALE: Venerdì 14/10 ore 20.45: Atletico Ricci – Asd Longobarda

Regolamento Settore Calcio a 7 Pisa

1)Tutte le società iscritte ai campionati, devono essere affiliate presso l’Aics di Pisa e i giocatori regolarmente tesserati.

2) I calciatori (senza limite di numero) e i dirigenti (non piu’ di tre) autorizzati a sedere in panchina, devono essere tesserati con l’ente di promozione sportiva e devono essere identificati dal D.G. tramite documento ufficiale: carta di identità o patente di guida o passaporto italiano. E’ consentito presentare il documento nei seguenti formati: cartaceo originale; fotocopia purchè chiara e riconoscibile; foto sul cellulare purchè chiara e riconoscibile. Il solo tesserino sportivo non è considerato idoneo a meno che l’atleta esibisca la tessera sportiva sul quale è stampata la foto. Sarà ammesso tuttavia in caso eccezionale il riconoscimento per conoscenza diretta dell’arbitro con autorizzazione del responsabile di Settore. Non possono partecipare atleti che nella vita svolgono come professione primaria il calciatore, e gli atleti che giocano al di sopra della Eccellenza Sono quindi esclusi i giocatori di Serie D, Lega Pro, Serie B e Serie A.

3)Deroga al tesseramento: è consentito ad un singolo calciatore partecipare a più campionati in squadre e società diverse tra loro ma non militanti nel solito girone. Fa eccezione la fase finale dei play off dove la deroga è abrogata per le squadre partecipanti alla stessa categoria di Play Off. E consentito ad un calciatore svincolarsi e tesserarsi in altra società anche del solito girone con il consenso del presidente ( nulla osta da presentare al momento del nuovo tesseramento) e solamente nel periodo che va dal 1 dicembre al 31 gennaio inclusi.

4)Ogni presidente di società deve essere in possesso della certificazione sanitaria relativa alla pratica sportiva agonistica di ogni tesserato.

5)E consentito l’utilizzo di due calciatori non in possesso della nazionalità italiana. La norma per l’utilizzo di più calciatori di nazionalita non italiana verrà approvata o abrogata prima dell’inizio di ogni torneo a discrezione dell´organizzazione.

6) Settimanalmente viene pubblicato il Comunicato Ufficiale. E’ fatto obbligo ad ogni societa di prenderne visione sul sito www.calcioasettepisa.it

7) Le gare programmate sul C.U non possono essere spostate o rinviate nemmeno con il consenso dell’altra società. Le variazioni al programma sono solo di natura tecnica o organizzativa

8)Alla società che non si presenta a disputare una gara ufficiale verrà assegnato lo 0-3 a tavolino e la stessa entro la gara successiva dovrà provvedere al rimborso della quota campo-arbitro. Il non avvenuto reintegro prevede la sconfitta anche per la gara successiva e in ultima istanza la definitiva esclusione dal campionato e dalla classifica se nel girone di andata. Sara invece assegnata la vittoria a tavolino alla squadra avversaria di turno se nel girone di ritorno.

9)E concesso alle società chiedere al D.G. il comporto di 15 minuti sull l’orario di inizio nelle seguenti modalita in base all´orario di programmazione:

Orario di programmazione ore 20.45 con inizio gara alle ore 21.00: orario di inizio gara massimo con richiesta del comporto 21.15.

Orario di programmazione ore 22.00 con orario di inizio gare alle 22.00: orario di inizio gara massimo con richiesta del comporto 22.15.

Gli arbitri hanno l’ordine tassativo di iniziare la gara entro le 21.15 anche se una o entrambe le squadre non sono complete. Per orario di programmazione fa fede l’orario scritto sulla programmazione scritta sul sito www.calcioasettepisa.it

10)In caso di espulsione la squadra rimarrà in inferiorità numerica per il proseguo dell’incontro per la prima espulsione. Dalla seconda espulsione si provvederà a completare il numero di 6 giocatori attingendo dalla panchina trascorsi 5 (cinque) minuti o dopo aver subito un gol, comunque dopo consenso arbitrale (questa norma non è valida in competizioni Nazionali o Regionali). Esauriti i giocatori a disposizione in panchina la squadra rimarrà in numero minore fino a un minimo di 4 giocatori al disotto del quale l’incontro verrà sospeso con conseguente sconfitta a tavolino da parte della squadra in difetto. Il calciatore espulso direttamente sarà automaticamente squalificato e dovrà astenersi da prendere parte a gare del torneo prima dell’uscita del C.U. Può tornare a giocare dopo una gara di astensione il calciatore espulso per doppia o somma di ammonizione.

11)La squalifica per somma di ammonizioni in più partite scatterà dopo 3(tre) cartellini gialli. Alla terza ammonizione il giocatore sara’ nello stato di diffida. Dopo la prima squalifica per somma di ammonizioni per il medesimo atleta lo stato di diffida per le situazioni successive scatterà dopo 2(due) cartellini gialli e la squalifica dopo 3(tre) cartellini

12) Nel caso di punizione diretta, se al momento della battuta, un giocatore della squadrar in attacco si trova ad ostruire palesemente il movimento del portiere, sarà fischiata dal DG una punizione indiretta a favore della squadra in difesa, senza sanzioni nei confronti del giocatore in difetto. Il DG non è tenuto a segnalare la posizione fallosa prima che venga battuta la punizione.

13) Le sentenze della commissione di primo grado sono inappellabili.

14)Il ricorso va annunciato all’arbitro entro 15 minuti dalla fine della gara e presentato per scritto entro le 24 ore successive (non festive) versando una tassa reclamo di Euro 50.00 che sara restituita se interamente accolto o trattenuta se respinto, anche solo parzialmente, presso la sede del Comitato Provinciale.

15)Nel caso che due o più società giungano a pari punti in classifica per determinare il miglior piazzamento si terrà conto nell’ordine dei punti conquistati negli scontri diretti, della differenza reti e maggior numero di reti segnate negli scontri diretti, differenza reti generale, maggior numero di reti segnate in totale.

16)Le squadre devono consegnare al D.G. la lista dei giocatori (distinta di gioco) in doppia copia compilata in ogni sua parte; Il riconoscimento da parte dell’arbitro avverrò tramite documento ufficiale: carta di identità o patente di guida o passaporto italiano. E’ consentito presentare il documento nei seguenti formati: cartaceo originale; fotocopia purchè chiara e riconoscibile; foto sul cellulare purchè chiara e riconoscibile. Il solo tesserino sportivo non è considerato idoneo a meno che l’atleta esibisca la tessera sportiva sul quale è stampata la foto. Sarà ammesso tuttavia in caso eccezionale il riconoscimento per conoscenza diretta dell’arbitro con autorizzazione del responsabile di Settore. I giocatori che non potrànno essere riconosciuti non potranno prendere parte alla gara. Le distinte di gioco unitamente alla quota arbitrale e del campo dovranno essere consegnate almeno 15 minuti prima dell’orario di inizio. Il riconoscimento degli atleti per le prime gare in programma dovrà’ avvenire fuori dal campo e negli orari così stabiliti: Gare programmate alle 20.45 entro le ore 20.50

17)La praticabilità del campo di gioco, sentito il gestore, sentiti i capitani, spetta all Ìarbitro.

18) In caso di maglie facilmente confondibili a giudizio dell’arbitro, spetta alla squadra di casa sostituirle o comunque differenziarle tramite casacche o altre magliette escluso la società campione provinciale che conserva la propria.

19)Ogni squadra deve mettere a disposizione N° 1 palloni ritenuti idonei dal D.G. Nel caso che una delle due ne sia sprovvista la gara si terrà comunque con un unico pallone e il recupero del medesimo spetterà alla squadra che ne è sprovvista e il tempo perduto sarà recuperato a discrezione dell’arbitro.

20)Non e richiesta la presenza del guardalinee di parte.

21)Non vi e alcun limite alle sostituzioni che possono avvenire anche con palla in movimento ma all’altezza della propria panchina. Fatta eccezione il portiere che deve essere effettuata dopo l’assenso del D.G. . La sostituzione del portiere inoltre è consentita una sola volta per tempo salvo infortunio con abbandono.

22)La norma del fuorigioco è abrogata.

23) Nel caso di partita dell’AC Pisa le due squadre dell’incontro in programma verranno interpellate. Nel caso in cui entrambe le società non rilevano problemi organizzativi la data dell’incontro in questione resterà invariato. Se anche solo una delle due società rileva problemi organizzativi l’incontro verrà spostato nella solita settimana cercando un giorno in accordo con le due società. Se non ci dovesse essere accordo la programmazione dello spostamento di tale incontro sarà a discrezione dell’organizzazione.

24)Nel caso di avvenimenti violenti di natura disciplinare la o le società che verranno ritenute responsabili saranno giudicate non idonee ai principi e alle norme dei campionati. La commissione disciplinare giudicherà la posizione delle stesse attribuendo un adeguato provvedimento il quale potrà avere anche forma di esclusione dal torneo, oltre che una multa accessoria e il trattenimento della cauzione da parte dell’ente. I giocatori responsabili e i giocatori che saranno ritenuti complici con comportamenti, parole o azioni andranno incontro a una squalifica a tempo con un minimo di 1(uno) anno fino a 5(cinque) anni valevole sia negli altri enti di promozione sportiva che per la FIGC.

25) I tempi di gioco avranno la durata di 25 minuti ciascuno. Ogni squadra ha diritto ad un time out per tempo.

26) Nella Prima gara la quota campo arbitro sarà maggiorata di un  extra di euro 10€ pari alla quota iscrizione a torneo.

– Per quanto non espressamente contemplato nel presente regolamento si fa riferimento al regolamento Nazionale Aics e per le Regole del Gioco quello federale per l’attività sportiva del calcio e le carte FIGC.

– Il presente regolamento, da parte delle Società, viene considerato come letto, approvato e accettato;

– L’ignoranza del regolamento non può essere invocata ad alcun effetto;

© 2016 Calcio a Sette Pisa